MOLFETTA. Sant'Antonio in processione PDF Stampa E-mail
Scritto da Pantaleo de Trizio   
Martedì 19 Giugno 2012

santonio processione 2012 1Molfetta - Domenica 17 giugno nella tarda serata si è conclusa a Molfetta la processione di Sant'Antonio da Padova. La festa in onore del Santo è iniziata con la tradizionale "tredicina", svoltasi presso la chiesa di Sant'Andrea, nel borgo antico.

Ogni anno, per tredici giorni il simulacro è esposto sull'altare per essere venerato dai fedeli e l'evento si conclude il 13 giugno con la benedizione del pane. Invece la processione come da cerimoniale si svolge la domenica successiva al giorno di Sant'Antonio. Quest’anno alla processione hanno partecipato in maniera ordinata un gran numero di consorelle. In fila per due, durante il percorso hanno pregato e intonato canti di lode, nonostante lo sgradevole sibilo diffuso dagli altoparlanti portatili. Il corteo ha percorso il solito itinerario con una variante rispetto allo scorso anno. Anziché passare per via San Vincenzo e raggiungere Corso Margherita di Savoia si è preferito svoltare da via Paradiso per immettersi su via Roma. La processione si è mossa sfiorando automobili parcheggiate ai lati della strada e qualche cassonetto d'immondizia non rimosso. Che ci sia stato trattamento diverso dalle altre processioni ritenute più importanti? Ne abbiamo chiesto il parere ad alcuni fedeli. Hanno risposto con un’alzata di spalle. Un vigile ha obiettato che non hanno avuto l’ordine di sgombro. Il priore non si è pronunciato.

santonio processione 2012 2

Che Sant'Antonio appartenga alla categoria dei santi minori non ci risulta. La religiosità lo considera un santo taumaturgo, nonché dottore della Chiesa. È tra i Santi il più venerato in Italia. Il popolo molfettese testimonia la sua santità con devozione divenuta ormai secolare. E questo lo dimostra anche l'elevato numero di confratelli e consorelle che oggi fanno parte del sodalizio. La processione di S.Antonio ha una caratteristica particolare, quella di unire il borgo antico di Molfetta con il resto della città. Il corteo durante il percorso è stato accompagnato dalla gradevole musica del Complesso Bandistico "Santa Cecilia" che si è concessa tra un pezzo e l'altro una pausa di silenzio di quattro minuti. Verso le 21.40 la Sacra immagine prima di rientrare in chiesa è sostata sul sagrato, mentre don Vito Marino, nuovo padre spirituale, esprimeva alcune riflessioni. Ha ricordato e consigliato ai presenti che S.Antonio è il santo del silenzio e dei miracoli per cui, nei momenti di difficoltà, si chieda la sua intercessione. Se è fatta con fede Lui ascolterà. Al termine del discorso, tra i rintocchi della campana della chiesa, qualche squillo di telefonino e alcuni dei presenti che velocemente si allontanavano spolverandosi il capo con la mano per pulirsi dalla cenere caduta dall'alto a causa di fuochi d'artificio, don Vito ha impartito la benedizione. Un applauso ha segnato definitivamente la ritirata nella chiesa della statua lignea custodita dalla confraternita. Erano le ore 21.50.

 



Copyright © 2012 Editore Activa Srl. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
EDITORE ACTIVA Srl con unico socio - Molfetta (Bari) - P.IVA 06533700727 - Testata giornalistica registrata al numero 17/07 presso il Tribunale di Trani www.editoreactiva.net
Responsabile: Giulio Cosentino
concept by EDITORE ACTIVA Srl