MOLFETTA. Prosegue la rassegna "MaceTeatro?! Chaos 70" con Massimo Zaccaria e Filippo Carrozzo in "Due Mondi" PDF Stampa E-mail
Scritto da Giulio Bufo   
Giovedì 14 Giugno 2012

duemondi spetMolfetta - Il 28 novembre 1977 a Bari viene ucciso a coltellate Benedetto Petrone. Aveva 18 anni, faceva l'operaio ed era iscritto alla Fgci. Dopo Impastato, per MaceTeatro, si presenta un altro episodio emblematico degli anni ’70, appunto l’omicidio di Benedetto Petrone. In scena s’immagina un confronto fra “Due Mondi” quello di Petrone e quello del suo assassino, Pino Piccolo, iscritto al MSI e morto suicida nel carcere di Bari nel 1984. A portare in scena con lo spettacolo “Due Mondi” sono gli attori ed autori Massimo Zaccaria e Filippo Carrozzo.

massimozaccaria

A proposito dello spettacolo gli autori dicono: "Spesso ci si interroga sul perché di alcune storie. Sul perché raccontiamo storie. A volte sono storie inventate, altre verosimili. Altre ancora, vere. Potremmo dire, dopo molti anni che i fatti sono andati in una certa maniera o peggio ancora, spingersi al giudizio di quanto accaduto. Arbitri senza cartellino. Come ci si deve comportare quando si parla di un fatto vero? La cronaca racconta: 28 Novembre 1977, un ragazzo, Benedetto Petrone, viene assassinato da un militante del Fronte della gioventù poi suicidatosi in carcere nell'84. Ma noi non siamo giornalisti e per di più lontani da quegli anni. Dopo un’attenta analisi dei luoghi legati alla memoria, le interviste, le opinioni della gente, vien fuori un fatto: la verità non esiste o non può essere raccontata. E’ qualcosa di inenarrabile a priori. E’ ed appartiene per sempre a quel momento assoluto che il tempo cattura e nel tempo si perde. Riflette Pino trasportando la sua storia nel passato. Solo ed ultimo testimone di se stesso, rinchiuso nella stanza di una clinica psichiatrica fa apparire il fantasma di Benedetto. Una narrazione raccontata dall’odio - il suo odio - fatto di botta e risposta con Benedetto. Com’è il suo stato dopo l‘omicidio. Convinzione o pentimento?".

carrozzo

Massimo Zaccaria è uno dei maggiori esponenti del teatro sociale pugliese, e non solo, fra i suoi lavori si ricorda “La cisterna” ispirato alla tragedia molfettese della Truck Center.
Filippo Carrozzo è attore con all’attivo collaborazioni con alcune delle maggiori personalità del teatro pugliese quali Lello Tedeschi, Carlo Formigoni, Ippolito Chiarello.

In contemporanea alla terza edizione MaceTeatro, dedicata agli anni ’70, c’è la mostra “Una guerra civile dimenticata”, curata da Giulio Bufo.

Gli organizzatori della rassegna ci tengono a precisare che la rassegna è totalmente indipendente da fine partitici o elettoralistici, ma punta solo a fare formazione e cultura attraverso il teatro, un teatro che non  sia semplice svago e divertimento, ma che sia uno forte strumento di formazione umana e culturale.

 



Copyright © 2012 Editore Activa Srl. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
EDITORE ACTIVA Srl con unico socio - Molfetta (Bari) - P.IVA 06533700727 - Testata giornalistica registrata al numero 17/07 presso il Tribunale di Trani www.editoreactiva.net
Responsabile: Giulio Cosentino
concept by EDITORE ACTIVA Srl